giovedì 20 settembre 2018 – ore 21.00
performance Chiostro di Santa Verdiana

Resistere

a cura di Pietro Gaglianò

con Matteo Coluccia, Stefano Giuri, Daniela Pitrè e Gianluca Trusso Forgia

Resistere è un progetto dedicato al tempo presente: un momento storico in cui l’assunzione personale di responsabilità è un atto irrinunciabile, e deve essere un appassionato esercizio di produzione di senso. Resistere vuol dire indicare la persistenza di un’alternativa possibile che per essere coltivata ha bisogno, oggi più che mai, dell’immaginazione. Quattro artisti di recente generazione Matteo Coluccia, Stefano Giuri, Daniela Pitrè e Gianluca Trusso Forgia interpreteranno con la performance il conflitto in corso tra l’individuo e la sfera del potere, innescando con la forza del corpo la dinamica per una contronarrazione.

PIETRO GAGLIANO’

Laureato in architettura, critico d’arte e curatore, approfondisce l’analisi sulla linea delle libertà individuali, delle estetiche del potere, della capacità eversiva del pensiero critico e del lavoro artistico. I suoi principali campi di indagine sono i sistemi teorici della performance art; il contesto urbano, architettonico e sociale come scena delle esperienze artistiche contemporanee; l’applicazione delle arti alle questioni dell’emergenza geopolitica. Ha curato progetti speciali e mostre in Italia e all’estero. Da anni sperimenta formati ibridi dello spazio di verifica dell’arte, in cui esperienze di laboratorio e formazione si innestano sul modello tradizionale della mostra e del convegno.

GLI ARTISTI COINVOLTI

Matteo Coluccia (1992), Stefano Giuri (1991), Daniela Pitrè (1984) e Gianluca Trusso Forgia (1993); contestualmente alla formazione accademica hanno seguito percorsi di approfondimento sulla performance e hanno realizzato diverse azioni individuali e di gruppo, oltre ad aver partecipato a progetti di affermati artisti italiani attivi in questo ambito.